fbpx La missione green di Utrecht: rinnovabili e verde urbano per tagliare la CO2 | My Solar Family
ENERGIE POSITIVE
La missione green di Utrecht: rinnovabili e verde urbano per tagliare la CO2
14 Aprile 2020
Blog > ENERGIE POSITIVE > La missione green di Utrecht: rinnovabili e verde urbano per tagliare la CO2

È possibile perseguire gli obiettivi di sostenibilità dell’UE integrando progetti urbani che vadano a beneficio del cittadino, dell’ambiente ma anche dell’estetica?
Per Utrecht è possibile. 

La città olandese infatti ha avviato, già da qualche tempo, un percorso di transizione per rinnovare l’organizzazione e l’estetica urbana in visione di un’economia più competitiva a beneficio del cittadino e dell’ambiente.
Nello specifico sono interessanti le iniziative di Utrecht per favorire la sostenibilità urbana tramite lo sviluppo del verde urbano, della mobilità sostenibile e delle energie alternative.

Ci sono tanti esempi sulle azioni che l’Olanda sta attuando per allinearsi a quelli che sono i target dettati dall’UE in merito al tema dei cambiamenti climatici.

Un esempio è quello di Merwede, il primo quartiere totalmente a emissioni zero.
Un piano molto ambizioso, quello di Merwede, che prevede l’abbandono completo delle automobili favorendo gli spostamenti dei cittadini tramite mezzi sostenibili come  bici, treni e autobus elettrici. 

Nella città di Utrecht, poi, è sempre più evidente quanto si punti sul verde urbano: il consiglio amministrativo della città ha mostrato molta determinazione nell’attuare i piani di ecoedilizia, infatti sta già pensando di introdurre l’obbligo di rendere più verdi i tetti di tutti gli edifici.
Si punta così sull'edilizia sostenibile come strumento per raggiungere gli obiettivi di contenimento delle emissioni di CO2.  

Il bosco verticale come modello di sostenibilità edilizia

I progetti che supportano lo sviluppo di tetti verdi sono partiti già alcuni anni fa.
Nello specifico si parla del piano di realizzazione del Bosco verticale ad opera del famoso architetto Stefano Boeri, partito nel 2017.

 

 

Si tratta della realizzazione architettonica di una struttura innovativa nel campo edilizia verde.
L’edificio, chiamato anche Torre dei Biancospini, sarà pronto per il 2022 e avrà un’altezza di 90 metri, potrà ospitare 200 appartamenti di varie tipologie.
Nella torre verranno piantati 360 alberi e 9640 tra arbusti e fiori e la sua realizzazione contribuirà a contenere le emissioni di CO2 per circa 5,4 tonnellate

Lo sviluppo del verde urbano è un meccanismo che ormai molte delle città più avanzate hanno adottato nella propria strategia per il contenimento delle emissioni.

L’edificio promuoverà anche l’autoproduzione e il consumo energetico da fonti rinnovabili: verranno installati sul tetto dei pannelli solari così da poter soddisfare il fabbisogno di energia di circa 12.000 persone.
L’edificio si trasformerà così in vera e propria area ecologica, dove ci saranno spazi privati e pubblici, spazi ricreativi ed uffici.

Le azioni dell’Olanda per dimezzare le emissioni entro il 2030 e combattere i cambiamenti climatici, in allineamento con le direttive dell’UE, stanno puntando sempre più ad una completa integrazione tra innovazione edilizia ed estetica urbana.  
L’esempio di Utrecht dimostra concretamente come sia possibile realizzare dei veri e propri gioielli urbani pur mantenendo saldo l’obiettivo di sostenibilità.

 

Chiamaci al numero 070 3321792 oppure scrivici

Oggetto:

Messaggio: