fbpx Intervento di Cappotto termico: che cos’è e perché farlo. | My Solar Family
VIVERE SMART

Intervento di Cappotto termico: che cos’è e perché farlo.

10 Settembre 2020
Blog > VIVERE SMART > Intervento di Cappotto termico: che cos’è e perché farlo.

Fare un intervento di Cappotto Termico sulla propria abitazione è uno degli strumenti più efficaci per migliorare il comfort abitativo ed aumentare il valore dell’edificio senza pesare sull’ambiente e sulle tasche.
Vediamo cos’è il Cappotto Termico e perchè conviene farlo.

Cos'è il cappotto termico?

Il Cappotto Termico è, semplificando, un isolamento termoacustico di un ambiente rispetto ad un altro: viene effettuato applicando pannelli isolanti di materiale naturale o sintetico all’involucro edilizio.

Questo intervento  si chiama “cappotto” proprio perché ricopre e protegge l’edificio dall’ambiente esterno ed è capace di limitare lo scambio termico tra l’ambiente interno ed esterno: di fatto facilita il mantenimento all’interno dell’abitazione del fresco in estate e del caldo in inverno. 

Per ulteriori approfondimenti tecnici clicca qui.

Cappotto Termico: 4 motivi per farlo

Un intervento di cappotto termico dona importanti benefici all’edificio e a coloro che ci abitano. In che modo?  

  1. aumenta l’isolamento termico e acustico, preserva la salubrità della casa e migliora il comfort abitativo;
  2. migliora l’efficienza energetica facendo risparmiare anche il 30- 50% dell’energia (quindi aiuta ad abbassare le spese delle bollette di energia elettrica e gas);
  3. aiuta ad elevare la classe energetica dell’edificio e di conseguenza il suo valore economico;
  4. ultimo ma non ultimo, il guadagno è anche ambientale perché un intervento di isolamento a cappotto termico contribuisce ad abbassare le emissioni di CO2.

Cappotto termico: quali supporti economici?

Il cappotto è uno degli interventi principe del Super Ecobonus 110%, la misura che consente di ottenere la Detrazione Fiscale del 110% per gli interventi di efficienza energetica che garantiscono il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio. 

Le specifiche degli interventi ammessi sono visualizzabili nella Guida Introduttiva al Super Ecobonus 110% dell’Agenzia delle Entrate. 

É quindi questo il momento migliore per pensare a risparmiare, all’ambiente, a vivere meglio e quindi al cappotto termico.

Per ulteriori informazioni clicca QUI

Alcuni approfondimenti tecnici

Cappotto esterno e Cappotto interno.

Il Cappotto Termico esterno viene effettuato sulla superficie esterna dell’edificio: è un intervento che va ad aumentare la superficie dell’edificio e ha dei costi più alti rispetto il Cappotto interno.

Il Cappotto interno viene eseguito, invece, sulle pareti interne dell’edificio, ma non va a isolare completamente tutta la struttura dell’edificio in quanto viene interrotto ogni qualvolta è presente ad esempio un muro divisorio o un solaio.

Il Cappotto interno riduce il volume disponibile della casa, è più economico rispetto al cappotto esterno e aiuta anch’esso a ridurre le dispersioni.

É molto importante scegliere con attenzione sia i materiali utilizzati sia la tipologia (interno/esterno) perché tale scelta può incidere sia sulle prestazioni “di isolamento termico” sia sulla eventuale formazione di condensa.

Cappotto Termico: i materiali

I materiali per la realizzazione di un Cappotto Termico devono essere resistenti poiché (nel caso di cappotto esterno) sono esposti all’ambiente esterno e agli agenti atmosferici, ma comunque traspiranti per evitare la formazione di condensa tra cappotto e mura dell’edificio..

L’obiettivo è infatti rendere la casa asciutta e salubre, temperando il clima interno ed evitando le condense su tutte le superfici.

Possiamo dividere i materiali utilizzati per realizzare la parte isolante del cappotto in 3 categorie:

  • sintetici;
  • di origine minerale;
  • naturali. 

Tra i materiali sintetici indichiamo per esempio il poliuretano e il polistirolo espanso (EPS): sono materiali estremamente leggeri, economici e con una conducibilità termica bassissima. Questi hanno una elevata capacità di isolamento.

Tra quelli di origine minerale, invece, troviamo ad esempio le lane di vetro e di roccia: sono materiali anch’essi con bassa conducibilità termica, non sono combustibili e sono riciclabili.  
Costano di più, ma garantiscono un’ottima resa.
Infine l’isolamento termico può essere realizzato anche con materiali naturali.
Tra gli isolanti termici di origine vegetale citiamo il sughero, la fibra di legno, la canapa, il lino, mentre tra gli isolanti di origine animale, la pura lana vergine di pecora.
I materiali di origine vegetale e animale hanno un alto potere isolante, traspirante e acustico, non inquinano l’ambiente ed hanno un costo spesso maggiore rispetto ai precedenti.

Queste tre categorie di materiali hanno pro e contro: è bene quindi effettuare un’attenta valutazione su tutte le variabili  in gioco (economiche, strutturali, climatiche ecc.) prima di effettuare la scelta

La posa del Cappotto Termico

Una accurata progettazione preliminare e la successiva posa a regola d’arte del cappotto termico assicura un notevole aumento dell’efficienza energetica e notevoli risparmi economici.

Quando si parla di cappotto termico in genere si pensa al solo materiale isolante, ma bisogna ricordare che vengono applicati anche altri “strati” di materiali con l’obiettivo di garantire sia l’adesione dell’isolante, ma anche la protezione e la durabilità nel tempo.

Segue un esempio di stratigrafia di una parete a cui viene applicato un cappotto termico.

Fonte: infobuild energia
  1. mura dell’edificio;
  2. collante e fissanti;
  3. pannello isolante, ulteriormente fissato tramite tasselli;
  4. rasatura armata applicata sui pannelli isolanti;
  5. rete porta intonaco, spesso fissata sul pannello per tenerli ancora più saldi;
  6. finitura spatolata precolorata.

Consigliamo caldamente di rivolgersi ad un professionista in grado capire le esigenze tecniche e qualitative dell’intervento di Cappotto Termico per ottenere un risultato a regola d’arte che consenta di restare sereni nel tempo.

Chiamaci al numero 070 3321792 oppure scrivici

Oggetto:

Messaggio: