fbpx Asseverazione tecnica per i lavori Super Ecobonus 110%: cos’è e perchè è importante | My Solar Family
VIVERE SMART

Asseverazione tecnica per i lavori Super Ecobonus 110%: cos’è e perchè è importante

23 Settembre 2020
Blog > VIVERE SMART > Asseverazione tecnica per i lavori Super Ecobonus 110%: cos’è e perchè è importante

Facciamo un po’ di chiarezza in merito al Super Ecobonus 110% che permette di accedere alle Detrazioni Fiscali del 110% per gli interventi di Efficienza Energetica.
In questo articolo facciamo un focus su l'asseverazione tecnica che certifica l’idoneità degli interventi di efficienza energetica e che permette così di accedere ai relativi sgravi fiscali.
Perchè l’asseverazione è così importante? Chi può redigerla?
Ma soprattutto, quali sono le possibili conseguenze di un’asseverazione non fatta a regola d’arte?

In questo articolo tutte le risposte.

Cos’è l’asseverazione e a cosa serve?

L’asseverazione, prevista nel Decreto Rilancio, per avere accesso alla detrazione fiscale del 110%, è una attestazione che certifica che l’intervento realizzato è conforme ai requisiti tecnici richiesti e la corrispondente congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati. 

Non tutti gli interventi infatti beneficiano degli sgravi fiscali, ma solo quelli previsti dal Decreto che rispettano precisi requisiti tecnici, specifiche qualitative e di spesa.

L’asseverazione può essere rilasciata solo da un tecnico abilitato ed è trasmessa all’Agenzia Nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA).

Cosa fa l’ENEA con l’asseverazione?

L’ENEA, per gli interventi di efficienza energetica, effettua controlli, sia documentali che attraverso sopralluoghi, per verificare la sussistenza delle condizioni necessarie per usufruire delle detrazioni.

Cosa succede in caso di asseverazioni infedeli? Facciamo un esempio.
Il Decreto prevede che, ferma l’applicazione delle sanzioni penali ove il fatto costituisca reato, ai soggetti che rilasciano attestazioni e asseverazioni infedeli si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 2.000 euro a 15.000 euro per ciascuna attestazione o asseverazione infedele resa.

Ma il punto è anche e soprattutto un altro.
Per capire quali possono essere le conseguenze di una asseverazione non fedele ipotizziamo uno scenario possibile.
Immaginiamo che il proprietario di una villa unifamiliare decida di realizzare il cappotto termico e la sostituzione degli infissi. Per poterlo realizzare va in banca e chiede una linea di credito per finanziare i lavori.
La linea di credito sarà chiusa dalla banca quando questa riceverà il credito fiscale maturato dal proprietario e riconosciuto a quest’ultimo nel cassetto fiscale.

Sono infatti poche le imprese artigiane che oggi possono anticipare i lavori e fare direttamente lo sconto in fattura di cui si è parlato tanto.

Immaginiamo poi che queste lavorazioni non siano fatte nel rispetto delle prescrizioni tecniche o economiche previste dal decreto e che il tecnico abilitato decida di asseverare tali lavorazioni (o di non asseverarle).

A seguito della verifica ENEA la pratica viene bloccata? Cosa succede all’ipotetico credito fiscale del 110%?
Di fatto il cliente potrebbe ritrovarsi nelle condizioni di avere una linea di credito che non riesce a chiudere.

È vero che il tecnico abilitato deve stipulare una polizza assicurativa con massimale della polizza di assicurazione stabilita a garanzia dei lavori stessi e comunque non inferiore a 500.000 euro. Ma è anche vero che il proprietario potrebbe doversi imbarcare in una causa civile per vedere riconosciuti i suoi diritti ed il risarcimento del danno subito.

È quindi importante rivolgersi a tecnici abilitati di comprovata esperienza ed affidabilità?
Non solo importante, ma fondamentale.

 

Chiamaci al numero 070 3321792 oppure scrivici

Oggetto:

Messaggio: